RENDEZ VOUS nasce cartaceo registrato il 27 luglio 2007 al Tribunale di Roma n. 350

martedì 16 luglio 2019

Al Singita di Fregene Party con MEN’SLIFE



di Rosalba Lupo

Il SINGITA Miracle Beach di Fregene ha ospitato l'evento per festeggiare il blog dedicato all’universo maschile MEN’SLIFE è on line dal 2017 e ha raggiunto il traguardo di 2 milioni di visualizzazioni. Conferenza stampa in spiaggia in questo stabilimento super cool il Singita Miracle Beach.
Ad accogliere gli invitati e la stampa, l’ideatrice del blog, Maria Luisa Barbarulo (già coordinatrice del portale VediamociChiara.it e degli eventi correlati) e alcune delle firme di Men’s life, tra cui Roberto Bitelli, coordinatore del blog, il coach Andrea Maggio, il sessuologo Marco Silvaggi, il dott. Alberto Aiuto e il food – eco blogger Gianluca Bitelli.
Completano il team di lavoro altri blogger come l’editorialista Claudio Razeto, il trader Massimo Mamprim, il British correspondent Alex F. Romeo, l’esperto di 4 zampe Fabio Carta, l’attore Simone Buffa, l’opinionista Federico Ghezzi, l’esperto di Vela Pierfrancesco Pierangelini, Mudir (pseudonimo) con racconti di vita vissuta, il Dr. Marco Bitelli, coordinatore Società italiana di Andrologia, e la redazione medico-scientifica coordinata dal dott. Massimo Danti.
Un tardo pomeriggio strutturato in versione “fresh & easy” in cui, oltre ad illustrare i dati del blog, siamo stati coinvolti in iniziative conviviali, con ginnastica sulla spiaggia, insieme al personal trainer Hiroshi Mazzanti, dopo il bagno una appetitosa apericena in riva al mare con il suggestivo saluto al sole. Il blog è stato ideato dalla casa editrice Viluba, ci sono 14 appassionati blogger dove si raccontano affrontando i temi più diversi, ma con un comune denominatore: la passione.
Su Men’s life si leggono infatti i post che vanno dal food all’ambiente, dalla crescita personale all’amore per gli animali, dai viaggi alla lettura di temi di attualità, con un focus sulla salute e il benessere, che passa anche per la sessualità maschile. Il blog Men’life in soli 18 mesi è già diventato un punto di riferimento per gli utenti di ogni generazione, registrando aficionados costanti per oltre il 30% delle visite giornaliere.

sabato 6 luglio 2019

L’ALTA MODA A ROMA HA I COLORI DEL SUD AMERICA

di Rosalba Lupo

La moda latino americana ha sfilato nel prestigioso Palazzo Ferrajoli a Roma con un evento articolato su due giornate in concomitanza con l'Alta Moda Capitolina. Evento patrocinato da CNA Federmoda e da diverse ambasciate dei Paesi coinvolti in una sfilata collettiva di giovani stilisti provenienti dal Brasile, da Cuba, dall’Ecuador e dal Messico, il giorno successivo si sono riuniti altri stilisti provenienti da altri paesi. Un grande risultato, frutto del lavoro diplomatico di Elsy Aparicio, responsabile del progetto Latin American Fashion. Cultura tradizioni e storia in questa passerella Haute Couture.
Roma, da sempre capitale dell’Alta Moda, volge con attenzione il proprio sguardo verso queste interessanti realtà creative d’oltreoceano, monitorando le fashion week locali e studiando le crescenti professionalità nate in questi Paesi dalla grande cultura, coltivata con un diverso approccio etico e filosofico. La creatività di questi designer, supportata da organismi internazionali di settore come CNA Federmoda, si è sviluppata velocemente, capace di fare la differenza attraverso elementi creativi di assoluto valore e fuori dai canoni tradizionali, testimoni della cultura e del sentimento Latino Americano.

Dal Messico, con il supporto istituzionale dell’Ambasciata in Italia e grazie all’ incaricata culturale Maria Teresa Ceron, arrivano Manuel Rodriguez, couturier che ha vestito le star del mondo dello spettacolo del suo Paese e la linea Tirza della stilsita Sara Garcia Meza.

Anche l’Ecuador, come detto, è protagonista dell’evento con la stilista Gabriela Guasgua, che porta a Roma la creatività della sua linea GiBAG - Handbags and Accessories, che combina tessuti con materiali misti, elaborati dagli artigiani della città di Otavalo. Alle sue creazioni, nello showroom del giorno successivo, si aggiunge la capsule collection della Fashion Designer Belen Jacome.

Dal Brasile Napoleao Cesar porta la sua creatività a palazzo Ferrajoli, a fondersi con quella caraibica degli stilisti Cubani Jacqueline Fumero, Ismael De la Caridad e Yosmany Larrea, in un tripudio di estro, energia, colori e vitalità.

La Stilista Croata Sladana Krstic, già protagonista del panorama della moda in Italia, rappresenterà l’Europa nella sessione di showroom, in un ideale abbraccio tra la creatività di due Continenti così lontani ma vicini per la voglia di crescere e di stupire attraverso la proposta di abiti e accessori dall’elevata qualità realizzativa, frutto del talento di tanti giovani designer in giro per il Mondo. Brindisi finale e torta insieme ai tantissimi ospiti che hanno partecipato, buyers e stampa.

venerdì 28 giugno 2019

BVLGARI una storia un mito del Made in Italy nel mondo


di Rosalba Lupo
Grandiosa mostra della Maison Bvlgari aperta al pubblico dal 26 giugno al 3 novembre 2019, scenario dell'evento sono i sontuosi saloni per questa mostra il Polo Museale del Lazio, Palazzo Venezia e Castel Sant’Angelo.
I visitatori resteranno a bocca aperta percorrendo la storia di oltre un secolo, splendidi pezzi unici di gioielli, gli abiti indossati dalle Dive di Hollywood. Il Marchio Bvlgari rappresenta il Made in Italy della manifattura in tutto il mondo. Conferenza stampa che si è svolta a Castel Sant'Angelo nella splendida Sala Paolina affollatissima di fotografi e giornalisti italiani e stampa estera, hanno illustrato questo progetto di mostra che è stato ideato dal Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, in collaborazione con Bvlgari e realizzato attraverso contenuti selezionati da un comitato scientifico composto da esponenti di spicco del mondo accademico come Francesco Benigno (Scuola Normale Superiore di Pisa), Chiara Ottaviano (storica e sociologa della comunicazione di massa), Daniela Luigia Caglioti (Università Federico II di Napoli), Emanuela Scarpellini (Università degli Studi di Milano). I temi relativi allo stile e alla creatività di Bvlgari sono stati sviluppati da Lucia Boscaini, Bvlgari Brand and Heritage Curator.
Chiara Ottaviano curatrice della mostra ha tracciato la storia di Bvlgari come esempio di successo di un’azienda del Made in Italy nel passaggio da piccola realtà a conduzione familiare a Marchio globale del lusso. 

In mostra, i gioielli della Collezione Heritage dell’Azienda, alcuni dei quali esposti per la prima volta, e creazioni in prestito da importanti collezioni private. La narrazione sarà arricchita da documenti d’archivio inediti, foto d’epoca e filmati per coprire oltre cento anni di storia della Maison intrecciati con molteplici vicende economiche, sociali e di costume. Come elegante contrappunto ai gioielli della Collezione Heritage del Marchio, gli abiti di alta moda dalla collezione privata di Cecilia Matteucci Lavarini offriranno vivide suggestioni del gusto e delle tendenze nelle diverse epoche in cui si svolge la saga di Bvlgari.
Il racconto si snoderà a partire dalle vicende del fondatore dell’Azienda Sotirio Bulgari, talentuoso argentiere che dalla Grecia giunse a Roma nel 1884 in cerca di fortuna, per ripercorrere aneddoti familiari, strategie commerciali e intuizioni creative fino ai primi anni’90. Il successo presso clienti facoltosi e protagonisti della vita mondana costituirà un ulteriore tassello per documentare l’affermazione del Marchio e la sua rete di contatti.
I gioielli appartenuti e indossati dalle dive della “Dolce Vita” come Elizabeth Taylor, Gina Lollobrigida, Ingrid Bergman, Anna Magnani e Audrey Hepburn rappresenteranno la fama internazionale conseguita dal Marchio a partire dal secondo dopoguerra, un momento cruciale di rinascita per Roma e l’Italia intera.
abito da sposa indossato da Linda Christian con Tyrone Power
La mostra valorizzerà gli aspetti chiave che rendono lo stile Bvlgari ancora oggi unico e riconoscibile, emblema di una scuola italiana di gioielleria dalle radici antiche e in costante evoluzione. Il percorso svelerà quindi i gioielli più emblematici che racchiudono l’eccellenza nella manifattura, il gusto per il colore, i volumi sontuosi e le linee arrotondate tipiche di Bvlgari. Le creazioni degli anni ’80 e’90, modulari e indossabili in ogni momento della giornata, rifletteranno la capacità del Marchio di sintonizzarsi sulla vita dinamica della donna inserita nel mondo del lavoro.
Il progetto di allestimento giocherà sul concetto di “passaggio temporale” attraverso una serie di installazioni ad archi e scalinate su cui si collocano i manichini con indosso gli abiti, al temp o stesso spettatori e protagonisti delle diverse epoche raccontate. Un’occasione unica per riscoprire la storia e la creatività di Bvlgari come icona del Made in Italy, esaltate dalla splendida cornice di Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia.
Il talento, la passione e la capacità di cogliere lo spirito dei tempi da parte del fondatore Sotirio Bulgari e delle successive generazioni hanno segnato un percorso di successo e la storia della gioielleria in generale” spiega Jean-Christophe Babin, Amministratore Delegato del Gruppo Bvlgari.
Il catalogo che accompagna la mostra è pubblicato da Rizzoli e sarà in vendita presso le due sedi museali e nelle maggiori librerie a livello mondiale.
La Maison Bvlgari ha voluto omaggiare Roma con una serata evento a Castel Sant'Angelo, con oltre mille invitati che sono stati sedotti, rapiti da questa mostra inedita, unica. Champagne e un ricchissimo buffet e poi in tarda serata naso all'insù per i magnifici fuochi d'artificio. Bvlgari saluta Roma e noi ringraziamo per queste emozioni che ci ha regalato.

giovedì 27 giugno 2019

Jamal Taslaq sfila nella Coffee House di Palazzo Colonna per Mondo Solidale Onlus.

di Rosalba Lupo

Quello che facciamo è solo una piccola goccia nell’oceano. Ma l’oceano senza quella goccia sarebbe più piccolo”. Queste parole di Madre Teresa di Calcutta esprimono pienamente il senso della serata, che si è svolta mercoledì 26 giugno presso la barocca e scenografica Coffee House di Palazzo Colonna, luogo in cui si è svolto il charity event di Mondo Solidale Onlus. L’associazione benefica, presieduta dalla Sig.ra Rita Leo Valentini, è stata accolta con entusiasmo da tutta la sua famiglia. Lo Studio Legale e Tributario Leo Associati, che ha anch’esso sede a Palazzo Colonna, è lieto di sostenere il fund raising in questa serata speciale dedicata ai bimbi africani.
La Onlus Mondo Solidale opera in Africa fornendo un aiuto reale e concreto alla popolazione bisognosa. Nello specifico assiste i bambini e le persone che necessitano di cure mediche ed ospedaliere, portando un sostegno economico e morale. Si batte da anni in Kenya contro la violenza sulle donne, aderisce all’iniziativa One Billion Rising sulla Kenya Coast in un gioco di sponda con l’Associazione Italiana Hands Off Women ed è impegnata anche con la tutela dell’ambiente con iniziative legate al riciclo della plastica.
L’evento ha voluto sensibilizzare l’opinione pubblica su una realtà difficile e precaria che coinvolge largamente tutti gli Stati Europei. La serata è stata condotta da Elena Parmegiani, Direttore Eventi della Coffee House, c'è stata una suggestiva lettura di Gabriel Garcia Marquez affidata alla voce dell'attore Vincenzo Bocciarelli.
Lo stilista italo- palestinese Jamal Taslaq, dopo aver calcato le passerelle di Parigi, New York, Dubai, ha sfilato in questo storico palazzo capitolino con i capi iconici delle sue collezioni. La sua moda si contraddistingue per uno stile elegante, raffinato e senza tempo. La sua arte unisce perfettamente il mondo orientale a quello occidentale. Il rinomato designer ha presentato nella Coffee House una collezione di alta moda con un’apertura dedicata alla parte giorno, non sono mancati i ricercati abiti da cocktail e da sera ispirati alla magia del mondo orientale e alla raffinatezza dell’occidente. Finale con il meraviglioso abito da sposa molto appplaudito dal folto pubblico che ha partecipato all'evento. La serata si è conclusa con una riffa il cui ricavato sarà devoluto a Mondo Solidale Onlus ed un cocktail finale sulla monumentale terrazza del Palazzo.

giovedì 20 giugno 2019

TERRE DEI CONSOLI – INVESTIRE NEL GOLF PER LO SVILUPPO TURISTICO



di Rosalba Lupo
Volete giocare a Golf? Ecco un nuovo green per cimentarsi in questo sport sono le Terre dei Consoli Golf Club, tantissimi i giornalisti e fotografi che hanno partecipato alla
conferenza stampa nella nuova ClubHouse inaugurata oggi, splendida struttura che si coniuga con l'ambiente, costruita da un famosissimo architetto. In questa occasione è stata presentata la tappa romana dell’European Challenge Tour, che si giocherà su questi fairways dal 27 al 30 giugno, dopo la Pro-am del 26.
Andrea Abodi   Franco Chimenti    Edoardo Francesco Caltagirone
A presentare il programma e il progetto delle Terre dei Consoli Golf Club, sono intervenuti degli ospiti d'eccezione, come il presidente di Terre dei Consoli Golf Club Edoardo Francesco Caltagirone,
Franco Chimenti  Leonardo Caltagirone  Carlo Scatena  Marzia Caltagirone
il direttore generale del Progetto Ryder Cup 2022 Gian Paolo Montali, il presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo Andrea Abodi, Marco J.Rota, Infront Director- Summer Sports and MassEvents e il presidente Gaisf e SportAccord, Raffaele Chiulli. Modera Alessandro Lupi.
Il primo a prendere la parola nel corso della conferenza stampa il padrone di casa Edoardo Francesco Caltagirone, che inizia con il titolo della conferenza stampa Investire nel Golf, noi come Gruppo Leonardo Caltagirone e io personalmente abbiamo investito in questo progetto e
La  pr della ClubHouse Marzia Caltagirone  con Lucilla Quaglia
oggi siamo qui riuniti alle Terre dei Consoli Golf Club, perché crediamo in questo progetto di portare il turismo golfistico a Roma, abbiamo dei campi importanti per ospitare grandi gare, oppure ospitare il golfista domenicale, avvicinare questo sport alle scuole.
Il centro di tutto questo sarà questa ClubHouse, in programma il progetto legato all'ospitalità con l'obbiettivo di sviluppare finalmente il turismo golfistico con la realizzazione di servizi alberghieri con oltre 50 camere, con spazi dedicati agli eventi.
giornalisti in gara
Un modo diverso di fare turismo e portare il
Comune di Monterosi in giro per il Mondo. Prima del Soft Cocktail refrigerante servito in terrazza, noi giornalisti
Il Principe   Ascanio  Pacelli
siamo stati accompagnati dal
Principe Ascanio Pacelli manager della ClubHouse, in una piccola gara golfistica. Tra gli ospiti Leonardo ed Aura Caltagirone con la figlia Allegra,
l'attrice  Martina Menichini
l’attrice Martina Menichini, Ascanio e Katia Pacelli con i figli Matilda e Tandredi, Josephine Borghese, lo stilista Massimo Bomba e la creativa Francesca Anastasi, il presidente del comitato Fig Lazio Carlo Scatena oltre a rappresentanze istituzionali locali e regionali. 

 

venerdì 31 maggio 2019

Fiori d'Arancio per l'attrice Milena Miconi con il regista Mauro Graiani

di Rosalba Lupo

La stagione dei fiori d'arancio è sempre più vicina e il profumo arriva anche nel mondo dei Vip e così è stato per l'affascinante attrice Milena Miconi con lo sceneggiatore e regista Mauro Graiani, sono convolati a nozze per il fatidico ”Sì”,
pronti a giurarsi amore eterno, tutto questo è successo Sabato 25 maggio nella suggestiva chiesetta di Santa Maria in Tempulo. Pollice in su per Milena Miconi che è arrivata in un meraviglioso abito bianco e rosa antico, mentre il futuro sposo il regista Mauro Graiani era in un elegantissimo abito blu.
Circondati dall’affetto dei parenti e degli amici che da sempre fanno parte della loro vita, Mauro e Milena visibilmente emozionati, sono convolati a nozze dopo diciotto anni di convivenza e due magnifiche figlie Sofia e Agnese.
Dopo la cerimonia, sposi ed ospiti, hanno raggiunto l’elegante location all’interno del meraviglioso Parco di Veio gestita dalla famiglia Cappelli. Qui, la Wedding Planner romana, Tiziana Amorosi d’Adda, aveva pensato per loro un matrimonio dal mood agri- chic che ha voluto ulteriormente impreziosire con i meravigliosi acquarelli della designer Silvia Jacopini e un tripudio di coloratissimi fiori, lanterne e candele.
Tanti gli amici del mondo dello spettacolo e della stampa che hanno voluto condividere con gli sposi questo giorno speciale: Valeria Fabrizi, Monica Setta, Emanuela Aureli, Matilde Brandi, le neo spose Eva Grimaldi e Imma Battaglia, Marco Falaguasta, Beppe Convertini, Jane Alexander, Roberta Beta, Fanny Cadeo, Francesca Nunzi, Patrizia Pellegrino, Claudio Insegno, Giorgia Giacobetti, Vincenzo Bocciarelli, Andrea Ripa di Meana e ultima ma non ultima, Nadia Rinaldi che accompagnata dalla musica di Adriano Vagnoni di 48 Creativo, ha dedicato agli sposi una suggestiva interpretazione di “Tu sì na cosa grande”.
La serata è proseguita nelle eleganti sale intorno al meraviglioso camino acceso, con una ricchissima cena preparata da Chef Stellati. A seguire un mini concerto del bravissimo cantautore Roberto Giglio, “dulcis in fundo” una golosa confettata e il classico taglio della spettacolare Wedding Cake. Una serata speciale, magnifica, una pioggerellina ha bagnato ospiti e sposi ma come dice il vecchio detto....... Sposa Bagnata Sposa Fortunata. Auguri!

lunedì 27 maggio 2019

Piazza di Siena 2019 Il Trofeo LORO PIANA - Vince lo STATUNITENSE FARRINGTON


di Rosalba lupo

Anche oggi giornata entusiasmante per il Premio n. 8 Trofeo Loro Piana (cat. mista, h. 150/155, 100.000 €), il Piccolo GP dello CSIO romano, è stata vinto dallo statunitense Kent Farrington in un barrage a cinque, 
a partecipazione ristretta dopo la severità del percorso base disegnato dallo chef de piste Uliano Vezzani.
Farrington, che era in sella a Gazelle, sul successivo percorso ridotto a nove salti ha chiuso con 0 penalità in un fantastico 40”70, che non ha lasciato spazio allo svizzero Yannick Jorand, su Cipetto 2, secondo in 44”90,
e all’azzurro Paolo Adorno, su Fer ZG, terzo in 45”19. Un errore e quindi 4 penalità invece per il tedesco Daniel Deusser, con Jasmien Vd Bisschop, e lo svizzero Martin Fuchs, con Silver Shine. A seguire l'edizione appassionante, quella del Premio n. 9 Sei Barriere Loro Piana (montepremi 20.000 €).
Alla fine nel quarto e ultimo barrage, a quota due metri, l’ha spuntata lo svizzero Martin Fuchs con un fantastico The Sinner: il cavallo in ricezione ha anche toccato con il posteriore la barriera, che però è solo rimbalzata ed è tornata al suo posto.
Hanno invece commesso errore Natale Chiaudani, con Belly Dancer RS, ed Edoardo Tommaso Fochi, con Qaro Dan, i quali si sono così divisi il secondo posto.

La principessa Elettra Marconi con il figlio Guglielmo Giovannelli nell'area Loro Piana

venerdì 24 maggio 2019

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Piazza di Siena – Vince la Coppa delle Nazioni 2019 la Svezia

di Rosalba Lupo
È stata la Svezia a vincere l’edizione 2019 della Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo, gara clou a Piazza di Siena.
Il quartetto formato da Henrik Von Eckermann con Toveks Mary Lou, Angelie Von Essen con Luikan Q, Fredrik Jonsson con Cold Play e Peder Fredricson con H&M Christian K ha chiuso con 8 penalità complessive ripetendo così il successo del 2000, primo della storia in Coppa della Svezia nello CSIO Romano, bissato tra l’altro nel Gran Premio Roma con Lisen Bratt.
Il podio è stato completato dall’Irlanda, seconda con 12 penalità, e dal Belgio e dall’Olanda, finite in parità al terzo posto con 18 penalità.

Mentre l’Italia si è piazzata al quinto posto con Luca Marziani, Riccardo Pisani, Lucia Le Jeune Vizzini e Lorenzo De Luca. Terzi dopo il primo giro con 11 penalità (1 per Marziani con Tokyo du Soleil, 5 per Pisani con Chaclot e per la Vizzini con Loro Piana Filou de Muze, con lo ‘scarto’ delle 8 penalità commesse da De Luca con Ensor de Litrange LXII), nel secondo round gli azzurri hanno dovuto rinunciare alla Vizzini per un problema al suo Filou. C’è stato in chiusura il percorso netto di De Luca ma dopo le 8 penalità di Marziani e le 4 di Pisani, per un totale di 12 nel giro e 23 nella gara. Disastrosa la prestazione della Svizzera, che ha chiuso con 28 penalità il primo giro e non ha preso parte al secondo.  
La Coppa è stata consegnata alla squadra svedese dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha seguito dalla tribuna quasi per intero il secondo giro della gara. A conclusione delle premiazioni, il cielo sopra Piazza di Siena è stato attraversato dalle Frecce Tricolori.