RENDEZ VOUS nasce cartaceo registrato il 27 luglio 2007 al Tribunale di Roma n. 350

giovedì 5 marzo 2020

PINK FLOYD LEGEND al TEATRO OLIMPICO

di Rosalba Lupo
Spettacolo superlativo, bellissimo, sopra ogni aspettativa ieri sera al Teatro Olimpico in scena sino all'8 marzo l'opera rock ‘Shine. Pink Floyd Moon’ firmata dal regista e coreografo Micha van Hoecke e interpretata dai ballerini della Compagnia Daniele Cipriani accanto all’étoile internazionale Denys Ganio. 
Un ‘racconto’ transgenerazionale, un percorso musicale e non solo tra presente e passato, nel ricordo di una leggenda che ancora resiste al tempo e alle mode. Teatro in delirio per le musiche le luci e le danze psichedeliche di SHINE hanno animato il palcoscenico. L'evento è stato organizzato nell’ambito delle Giornate della Danza dell’Accademica Filarmonica Romana, realizzate in collaborazione con il teatro capitolino. È la musica dei Pink Floyd ad aver ispirato questo lavoro monumentale al celebre coreografo/regista russo-belga. Non solo queste indimenticabili canzoni senza tempo, ponte tra rock e musica classica, sono la colonna sonora dei suoi anni giovanili, ma si tratta di “una musica che ha un’anima e che, nell’immaginario collettivo, è legata alla giovinezza interiore di tutti noi”, sottolinea Micha. 
Punto di partenza nella creazione di SHINE Pink Floyd Moon è il celeberrimo brano Shine on You Crazy Diamond in cui i quattro Pink Floyd – al secolo Roger Waters, Nick Mason, Richard Wright e David Gilmour – rendevano omaggio al loro compagno Syd Barrett che si era perso nelle regioni sconosciute della “luna”, intesa come malattia mentale. In SHINE Pink Floyd Moon, Syd è interpretato da Denys Ganio, già étoile del Balletto di Marsiglia ed interprete dal famoso Pink Floyd Ballet di Roland Petit, balletto cult che debuttò nel 1973, in piena epoca pop, con la band inglese che suonava dal vivo. Un filo sottile lega il passato al presente. Non a caso, Syd/Ganio ha un alter ego giovane e guizzante, il ballerino Mattia Tortora, affiancato dai solisti e corpo di ballo Compagnia Daniele Cipriani, mentre il sound psichedelico – ipnotico, in qualche maniera astrale – e le liriche ammalianti dei Pink Floyd sono oggi interpretate (sempre dal vivo) dall’odierna ed acclamata band italiana Pink Floyd Legend (direttore musicale Fabio Castaldi). Musicisti, vocalist, ballerini intrecciano sapientemente le loro arti in palcoscenico sicché lo spettatore ha realmente l’impressione (prendendo in prestito una massima di Micha van Hoecke) che “il canto è una danza che si sente e la danza è un canto che si vede”.
La simbiosi tra gli artisti in scena è totale. A mezzo secolo dall’allunaggio “fisico”, un sapiente gioco di luci, laser e videoproiezioni trasforma lo spazio scenico di SHINE Pink Floyd Moon in una surreale luna abitata da personaggi come il “doppio” di Syd, una specie di Pierrot Lunaire, l’essere crepuscolare che catturò la fantasia di Arnold Schoenberg. Visioni oniriche che s’incrociano per creare mondi siderali, eppure molto vicini… forse perché dentro di noi? In fondo, come scriveva molti secoli fa il filosofo alessandrino Origene: “Sappi che sei un altro mondo in miniatura e hai in te Sole e Luna e anche le Stelle.” SHINE è dunque un viaggio nel mondo della luna interiore dell’essere umano: non solo luogo di follia e senno smarrito, bensì simbolo della poesia, della fantasia, della vita stessa. 
“È la mia autobiografia che racconta anche la vita di ogni uomo”, ci spiega ancora Micha van Hoecke, regista oltreché coreografo di SHINE Pink Floyd Moon “la storia delle nostre vite che procedono a cicli, con un movimento circolare come quello della musica e della danza delle stelle, della rotazione della luna: un moto scandito da un continuo processo di nascita-morte-rinascita.” E aggiunge: “La vita non è altro che la stoffa dei sogni di cui scriveva Shakespeare, una stoffa che viene continuamente ordita, tramata, disfatta e ritessuta. SHINE è un lavoro intriso di speranza, in cui la fantasia diventa l’arma per combattere il materialismo che imperversa, il potere e le brame che incombono oggi.” SHINE Pink Floyd Moon, con un cast complessivo di una trentina di componenti, è prodotto da Daniele Cipriani Entertainment s.c. e Menti Associate di Gilda Petronelli, in coproduzione con Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi.

domenica 1 marzo 2020

Premio Giuliano Gemma Sport Cultura e Valori al Salone d’Onore del CONI 2020

di Rosalba Lupo
Tripudio di Cultura e Sport per la quarta edizione del Premio Giuliano Gemma. Nel Salone del Coni un omaggio al Campione di Vita Giuliano Gemma, ad omaggiarlo una sfilata di Vip che lo hanno conosciuto da Sandra Milo (Premio alla Carriera),
Asia Argento, Eleonora Giorgi, Giorgio Pasotti, Ricky Tognazzi, Giulio Base, Francesco Malapena, Andrea Carpenzano, Irma Testa e tanti illustri personaggi del mondo del Cinema, dello Sport, dell’Arte e della Musica. Organizzato dalla Federazione Pugilistica Italiana rappresentata dal Presidente Vittorio Lai, con la collaborazione artistica di Tiziana Rocca con il supporto Art Media Sport - Vladimiro Riga e Francesca Piggianelli. Sul Palco il Presidente del Coni Giovanni Malagò anche lui ha elogiato l'attore scomparso nel 2013 grande attore e sportivo che ha fatto dello sport uno stile di vita, sul palco le figlie Vera e Giuliana Gemma insieme all'amico fraterno Nino Benvenuti Campione del Mondo Italiano.
Il Premio vuole omaggiare gli illustri personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport che si sono contraddistinti nel 2019, con la consegna dell'ambita statuetta che riproduce l’opera in bronzo “Il Pugile” dell'artista Gemma. Sul palco salgono a ricevere il Premio l'attrice Sandra Milo che ha ricevuto il Premio Speciale alla Carriera: per la Categoria Cinema/Tv gli attori e registi di fama nazionale ed internazionale Giorgio Pasotti, Eleonora Giorgi, Ricky Tognazzi,
Giulio Base ed il giovane talento Andrea Carpenzano; il Premio Speciale “The Best Boxing Friend” è andato all’attrice, regista e sportiva Asia Argento; per la Categoria Pugilato sono stati premiati la vicecampionessa mondiale AOB Angela Carini, il vicecampione dei Giochi Olimpici Europei AOB Salvatore Cavallaro ed il campione PRO Continentale d’America WBC Simone Federici;
il Premio alla Carriera Sportiva alla Campionessa di Tennis e componente della CNA Mara Santangelo; per la Categoria Arte/Musica hanno ricevuto il premio gli artisti di fama internazionale Francesca Storaro, Lighting Design, ed il Maestro Francesco Malapena; per la Categoria Boxe e Teatro ha ricevuto il premio Gianpiero Pumo mentre per il migliore docu-film la campionessa azzurra Irma Testa, interprete di “Butterfly” di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman. Infine presenti gli attori Milena Miconi e Vincenzo Bocciarelli ed il Vicepresidente del Senato della Repubblica Ignazio La Russa che sono saliti sul palco a premiare alcuni campioni dello sport.
Il Premio FPI Marche, con dedica speciale ai paesi del "cratere del terremoto" rappresentati dal Comune di Castelraimondo e dall'Unione Montana Alte Valli del Potenza e dell'Esino, a cui Gemma era molto legato, è andato alla Regione Marche, al Sindaco del Comune di Genga Marco Filipponi, al Presidente delle Terme di Frasassi Luca Faccenda, all’Amm. e gestore di Sarnano Neve Umberto Antonelli, alla giovanissima attrice Iole Mazzone ed ai proprietari Jacopo Corona e Gianluca Di Lorenzo del primo biscottificio solidale “Frolla” di Osimo che dà lavoro a ragazzi disabili.
Un percorso artistico e valoriale in sinergia con i Social Partner FPI Scholas Occurrentes, Sport Senza Frontiere Onlus, Osservatorio Nazionale Bullismo e Disagio Giovanile e Salvamamme Onlus e l’Istituto Pacinotti Archimede di Roma per trasmettere un messaggio forte e chiaro alle nuove generazioni, realizzato grazie al prezioso contributo di sponsor e partner e che si concluderà con la tradizionale solidarity cooking.

mercoledì 26 febbraio 2020

Al TEATRO MANZONI UN FOLLE AMORE

di Rosalba Lupo
Al Teatro Manzoni applausi a scena aperta per questa commedia francese ”UN FOLLE AMORE” dal 27 Febbraio al 22 marzo 2020. Una commedia brillante, elegante che vi divertirà molto, con attori strepitosamente bravi che sono: Cinzia Berni,Carlo Caprioli, Daniela Terreri, Luca Negroni Andrea Carpiceci Manuela Perfetti. Adattamento e Regia di Carlo Alighiero.
Una commedia divertente, un amore folle, assoluto, totale sagace, a tratti sorprendente, sulla natura umana,   piena di perplessità e di interrogativi, ma soprattutto una grande storia d’amore. Carlo Alighiero nella sua regia esalta questo amore e lo segue dal momento in cui Marcel crede di aver trovato l’amore da sempre inutilmente cercato. Un incontro casuale, un colpo di fulmine. Solange è sposata ha un figlio grande ma con la sua gioia di vivere e la sua autentica ingenuità appare come l’ideale di donna che ha sempre cercato. E’ più anziana di lui, che importa, quando l’amore chiama nulla lo può fermare. Marcel le offre il suo amore e la travolge sin dal primo incontro in un vortice irresistibile di parole e di emozioni. Questo amore all’inizio viene deriso, ridicolizzato poi accettato come un gioco, ma avvertito come pericoloso dal figlio, dalla sorella e dal marito di Solange.
Troppo tardi lei è completamente irretita e pronta a volare mano nella mano con Marcel e vivere questa storia d’amore; senza però lasciare la famiglia. Per Marcel questo è impensabile, l’amore per lui deve essere totale, le propone di divorziare e di sposarla, al suo rifiuto l’ amore si trasforma in odio. Solange disperata si rifugia nella famiglia, questa avventura l’ha colpita e profondamente cambiata, niente sarà più come prima. Assolutamente da non perdere!

martedì 25 febbraio 2020

Il Film Onward - Oltre la magia uscirà nella Sale il 16 Aprile

di Rosalba Lupo
Conferenza stampa alla Lanterna Rome del nuovo film Disney e Pixar Onward - Oltre la magia è interpretato, nella versione italiana, da un cast di voci che sono Sabrina Ferilli nei panni di Laurel Lightfoot e Fabio Volo sarà Wilden Lightfoot, i genitori dei fratelli Ian e Barley. Favij, Raul Cremona e David Parenzo interpretano invece rispettivamente uno spiritello, un apprendista stregone e un cameriere.
Il nuovo film è Diretto da Dan Scanlon e prodotto da Kori Rae, nelle sale italiane dal 16 Aprile invece che il 5 Marzo tutto posticipato per il Coronavirus. Fabio Volo ironicamente afferma che lui è un portatore sano, Milano è completamente deserta,ma è giusto così anche lui avendo dei figli bisogna avere delle precauzioni, il problema sono le attività che stano chiudendo, con la speranza che tutto finisca al più presto altrimenti si rischia che non ci saranno morti ma bensì molti fallimenti, ad ogni modo doppiare questo film è stata una grande esperienza e mi sono molto divertito.
Oltre la magia è ambientato in un immaginario mondo fantastico e racconta la storia di due fratelli elfi adolescenti, Ian e Barley, che si imbarcano in una straordinaria avventura per scoprire se nel mondo esista ancora un po’ magia. Nel giorno del suo sedicesimo compleanno, Ian desidera più che mai essere migliore e più coraggioso, proprio come suo padre che ha perso prima di nascere.
Così, quando sua madre consegna a lui e a suo fratello un regalo che il loro defunto padre aveva lasciato per loro, Ian vede un’opportunità per fare ciò che ha sempre sognato: essere guidato da suo padre.

giovedì 20 febbraio 2020

Al Teatro Sistina The Full Monty - Squattrinati organizzati



di Rosalba Lupo
Sold-out al Teatro Sistina fino all'8 marzo per lo spettacolo più travolgente “Full Monty”. Oltre mille invitati tra ospiti e celebrities. La caccia fino all'ultimo biglietto è terminata, si alza il sipario, in scena gli esplosivi, irresistibili star del musical commedia Paolo Conticini e Luca Ward, Gianni Fantoni, Jonis Bascir e Nicolas Vaporidis.
Esattamente a vent’anni dalla Prima del Musical di Broadway, i cinque operai disoccupati faranno di tutto per sopravvivere, tra varie vicissitudini si improvvisano spogliarellisti per necessità, molto atteso l'ingrediente “hot”. Un grande allestimento con orchestra dal vivo diretta dal Maestro Emanuele Friello e ad una storia che mantiene intatta la sua attualità.
Sul palcoscenico oltre 30 artisti, per dare anima e corpo a questo gruppo di dinamici operai rimasti senza lavoro ma non senza idee. Tra loro, importanti attori della commedia musicale italiana, Sebastiano Vinci, Laura Di Mauro, Elisabetta Tulli e Valentina Gullace, i giovanissimi Christian Roberto e Tancredi Di Marco, cresciuti nella “scuderia” del Sistina e già protagonisti dell’indimenticabile Billy Elliot, e la partecipazione di Paila Pavese.
Le scenografie di “The Full Monty” sono di Teresa Caruso, la direzione musicale di Emanuele Friello, i costumi di Cecilia Betona, le coreografie di Roberto Croce, le luci di Umile Vainieri, il suono di Davide Zezza.
Pubblico in visibilio applausi a scena aperta aspettando il finale dello spettacolo, quando il gruppo dei mitici disoccupati si sono esibiti in un seducente e allegro chiaroscuro, il full monty, “il servizio completo”….


mercoledì 19 febbraio 2020

al Teatro Ambra Jovinelli il regista Ferzan Ozpetek firma lo spettacolo MINE VAGANTI



di Rosalba Lupo
Conferenza stampa al Teatro Ambra Jovinelli per la presentazione dello spettacolo molto atteso nella capitale “Mine Vaganti “. 
Lo spettacolo porta la firma di un grandissimo regista Ferzan Ozpetek, i suoi film sono come dei quadri con delle pennellate di poesia. Per la prima volta Ferzan mette in scena l'adattamento di uno dei suoi capolavori cinematografici Mine Vaganti.
Lo spettacolo è già sold-out da oltre due mesi. Ferzan si ritiene molto contento e soddisfatto di questo lavoro che ha convinto il pubblico a comprare i biglietti, sono accompagnato afferma Ferzan da attori che mi hanno dato un piacere enorme, sono tutti molto bravi, per me una grandissima esperienza. 
Nello spettacolo gli attori interagiscono con il pubblico, qui in scena l'ambientazione cambia perciò l’ho ambientata in una cittadina tipo Gragnano o lì vicino. Interviene alla conferenza Francesco Pannofino attore e doppiatore di fama internazionale, siamo contenti di tornare a Roma e qui al Teatro Ambra Jovinelli dopo 25 repliche in giro per l'Italia, il pubblico vedrà uno spettacolo ancora più bello del film e faranno parte di una grande famiglia, 11 sono gli attori protagonisti che interagiscono con il pubblico che sarà parte integrante insieme agli attori.
Tutti gli attori intervengono alla conferenza e si raccontano, tra questi il giovane attore Francesco Maggi lusingato, emozionato di questa grande opportunità di lavorare con questa grande famiglia e naturalmente con questo grande regista quale è Ferzan Ozpetek. Non resta che emozionarci anche noi con “MINE VAGANTI” in scena dal 19 Febbraio al 1 Marzo 2020. 
Gli attori sono già in pole position e sono: FRANCESCO PANNOFINO, PAOLA MINACCIONI, ARTURO MUSELLI, GIORGIO MARCHESI, CATERINA VERTOVA, ROBERTA ASTUTI, SARAH FALANGA, MIMMA LOVOI, FRANCESCO MAGGI, LUCA PANTINI, EDOARDO PURGATORI.

lunedì 17 febbraio 2020

La vita promessa – Parte II torna su Rai1

di Rosalba Lupo
Conferenza stampa alla Rai di Viale Mazzini la presentazione “La vita promessa – Parte II”.Tre prime serate, in onda da domenica 23 febbraio, in prima visione su Rai1. La regia è di Ricky Tognazzi. Firmano la sceneggiatura Franco Bernini, Simona Izzo, Franco Marotta e Laura Toscano.
Torna su Rai1, dopo il successo della prima stagione, la saga dei Rizzo: la famiglia di siciliani emigrati in America con a capo l’affascinate Carmela, una donna volitiva, tenace e coraggiosa, ma soprattutto madre attenta e premurosa, pronta a lottare contro ogni avversità pur di proteggere e dare un futuro ai suoi figli.
Luisa Ranieri   Ricky Tognazzi
 Luisa Ranieri è ancora una volta protagonista di una storia appassionante che unisce il pathos del melodramma materno alla tensione del gangster movie, la cornice affascinante della famosa Little Italy newyorkese all’attualità di un tema come quello dell’immigrazione. Attraverso le vicende private e personali dei Rizzo si traccia un affresco dell’epoca, dal punto di vista degli italo-americani.
Simona Izzo
In questa seconda stagione ci troviamo a cavallo tra gli anni ‘30 e ‘40. I protagonisti della serie sono personaggi di fantasia che interagiscono con personaggi storici, come Lucky Luciano e Fiorello La Guardia. Con Luisa Ranieri,Thomas Trabacchi, Francesco Arca, Miriam Dalmazio,Vittorio Magazzù, Giuseppe Spata, Emilio Fallarino, Francesca di Maggio, Primo Reggiani, Marcello Mazzarella, Arturo Muselli con Stefano Dionisie con Eleonora Giovanardi e Brenno Placido.

sabato 15 febbraio 2020

Gran Ballo di Carnevale tra le epoche a Roma

di Rosalba Lupo
Cala il sipario sul magnifico “Gran Ballo di Carnevale tra le epoche”, all’interno del maestoso Salone d’Onore del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari all’Eur. 
L'evento è stato organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica presieduta da Nino Graziano Luca. Arrivano gli ospiti, oltre duecento danzatori, in costumi di varie epoche, medioevo, rinascimento fino al‘900. Con la direzione di Nino Graziano Luca, si aprono le danze con valzer, quadriglie, contraddanze, polche, mazurche e danze regency ma anche grazie alla Mostra CESARE ANDREA BIXIO – MUSICA E CINEMA NEL ‘900 ITALIANO omaggio alla vita e alla storia artistica del musicista - autore di tante celebri canzoni che dalla fine degli anni '20 e '30 sono entrate a far parte della storia del Costume Italiano ed Internazionale: Parlami d'amore Mariù, Mamma, Vivere, Il tango delle capinere, Violino Tzigano. 
Cesare Andrea Bixio fu autore dei più seguiti spettacoli di varietà, di cabaret. Negli anni ‘60 fondò la Cinevox Record, prima casa discografica dedicata alle colonne sonore che ha prodotto artisti come Morricone, Piovani ed i Goblin.
La virtuale macchina del tempo del GRAN BALLO DI CARNEVALE TRA LE EPOCHE spazia dai costumi alle danze, dalla location ai temi espositivi delle mostre.
Il percorso museale è infatti articolato in 3 grandi aree tematiche: “La terra e le risorse”, “Vivere e abitare”, “Riti feste e cerimonie”. Nella prima sezione, La terra e le risorse, sono affrontati i temi relativi al trasporto, al lavoro agricolo e pastorale, al lavoro marinaro e al lavoro artigianale; nella seconda, Vivere e abitare, compare il mondo domestico con i suoi arredi, i gesti del quotidiano, le fasi del ciclo della vita umana. La terza sezione, Riti feste e cerimonie, descrive le varie cerimonie, la musica, i giochi e gli spettacoli, gli abiti e gli ornamenti tradizionali.


venerdì 14 febbraio 2020

L’Istituto Culturale Coreano inaugura L’arte Multimediale

di Rosalba Lupo
L’Istituto Culturale Coreano inaugura, il 25 febbraio, la mostra “From the Past”. La rassegna è strutturata in tre sale tra passato, presente e futuro, dove contenuti temporali sono stati collocati in uno spazio.
La mostra “From the Past” si presenta formalmente come una moderna rassegna di arte multimediale, ma la peculiarità si trova nel fatto che gli argomenti e le fonti delle opere provengono da patrimoni culturali tradizionali della Corea. Vale a dire che le opere sono nate ispirandosi al passato, reinterpretate attraverso la tecnologia culturale corrente, le arti multimediali, e racchiudono l’intento di mostrare la potenzialità della cultura tradizionale nel futuro all’interno della continuità del tempo.
Un’altra peculiarità di questa mostra si trova nell’interazione degli spettatori i quali, diversamente dalle mostre tradizionali, sono coinvolti in una partecipazione diretta e pratica: in questo modo viene sottolineata l’importanza della comunicazione. I contenuti temporali vengono collocati nello spazio e in questo spazio, attraverso il ciclo di comunicazione delle persone, gli spettatori si avvicineranno e comprenderanno in modo naturale le culture tradizionali della Corea.

lunedì 10 febbraio 2020

TEATRO OLIMPICO 12 FEBBRAIO - 1 MARZO 2020 MOMIX in Alice

di Rosalba Lupo
Attesissimo il grande ritorno dello spettacolo di questi grandi artisti MOMIX in scena con Alice. In questa occasione i leggendari MOMIX vi emozioneranno sempre in uno spettacolo sopra ogni immaginazione.   L’Accademia Filarmonica Romana ospita al Teatro Olimpico dal 12 febbraio-1 marzo i favolosi MOMIX. 
Alice è l’ultima creazione che porta la firma di Moses Pendleton che torna in Italia in una nuova tournée dopo i sold out che hanno accolto lo scorso anno la sua prima mondiale. Nel 2020 i MOMIX festeggiano l’importante traguardo del 40° anno di vita, ma come racconta Moses Pendleton carismatico fondatore e direttore artistico della compagnia americana “celebriamo anche il primo anniversario di ‘Alice’ da quando ha avuto la sua prima mondiale a Roma proprio un anno fa. 
Ci piace poter festeggiare con il pubblico romano, l’Accademia Filarmonica Romana e il Teatro Olimpico, sia la storia della compagnia sia che ‘Alice’ abbia compiuto un anno”. Dalla prima mondiale ad oggi è stato fatto un grande e costante lavoro di rifinitura. “Il cast è rimasto lo stesso – prosegue Pendleton - quindi ognuno dei ballerini ha avuto un anno per approfondire i propri ruoli, sentirsene più sicuri e trovare nuovi modi di affrontare ogni momento dello spettacolo. Nulla è mai considerato ‘finito’ in MOMIX. Dico sempre ai ballerini alla chiusura di ogni sipario che è stata una grande performance che merita ulteriori prove, per rendere lo spettacolo un'esperienza migliore a tutto tondo. La premiere non è un punto di arrivo, per me, ma piuttosto l’inizio del processo evolutivo di una creazione”. 
Alice si ispira alla celebre fiaba di Lewis Carroll Alice nel Paese delle Meraviglie. La vera Alice ha spinto Carroll, un timido professore di matematica dell’epoca vittoriana, a scrivere il suo fantastico racconto di avventure clandestine per lei, quando aveva solo 10 anni. Questo piccolo racconto, protagonista la stessa Alice ‒ una bimba sperduta in un universo fantasmagorico ‒ è familiare adesso alla maggioranza dei bambini e adulti del mondo. Grazie alla fantasia, al brio e anche per il suo cast di personaggi di contorno, dal coniglio bianco al cappellaio matto e alla implacabile regina di cuori, il coreografo più immaginifico del mondo ha scelto così di infilarsi nella tana del coniglio in un mondo magico dove il corpo umano si trasforma e niente è ciò che appare. spesso da creature strane e stravaganti. 
La storia di Alice per MOMIX è una storia piena di immagini e di logica assurda, un’opportunità per scoprire fin dove arrivi la fantasia della compagnia americana, che con questo spettacolo tenta sentieri ancora inesplorati nella fusione fra danza, luci, costumi, proiezioni. Assolutamente da non perdere. Lo spettacolo si inserisce nell’ambito delle Giornate della Danza della Accademia Filarmonica Romana e Teatro Olimpico. Dopo Roma, toccherà le città di San Donà di Piave (3-5 marzo), Thiene (7, 8 marzo), Torino (11-15 marzo) e Milano (18 marzo-5 aprile).

mercoledì 5 febbraio 2020

Al Teatro Sala Umberto le ALLEGRE COMARI DI WINDSOR

di Rosalba Lupo
Alla Sala Umberto dal 11 – 16 FEBBRAIO 2020 andrà in scena LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR. La scrittura di Edoardo Erba e la regia di Serena Sinigaglia riadattano, tagliano e montano con ironia Le allegre comari di Windsor, innestando brani, suonati e cantati dal vivo dal Falstaff di Verdi. 
In scena solo la signora Page, la signora Ford, la giovane Anne Page e la serva Quickly, che danno parola anche ai personaggi maschili, assenti ma molto presenti: mariti, amanti, e, soprattutto, il più grande, non solo per stazza, Falstaff. Da lui tutto comincia e con lui tutto finisce. Le lettere d’amore che il Cavaliere invia identiche alle signore Page e Ford sono lo stimolo per trasformare il solito barboso e very british pomeriggio di tè in uno scatenato gioco dell’immaginazione, del desiderio, del divertimento. “Punire” quel porco di Falstaff, che osa far loro esplicite richieste d’amore, diventa il grimaldello per sentirsi ancora vive. 
Senza Falstaff, non ci sarebbe divertimento o sfogo per le signore Page e Ford, che, come le Desperate Housewives, sono donne di mezza età, borghesi, annoiate e un pizzico bigotte, con routine consolidate, mariti assenti e desideri sopiti. Sul palco MILA BOERI, ANNAGAIA MARCHIORO, CHIARA STOPPA, VIRGINIA ZINI

mercoledì 29 gennaio 2020

Al St.Regis Rome le atmosfere orientali di Giada Curti Collezione Haute Couture 2020



di Rosalba Lupo
Nella magnificenza del prestigioso St.Regis Rome Hotel dal lusso sfrenato, ha ospitato nei suoi sontuosi saloni in occasione delle sfilate Altaroma le atmosfere orientali di Giada Curti Collezione Haute Couture S/S 2020, ispirato al film L’Amante di Jean-Jacques Annaud,una ricostruzione sontuosa dell’Indocina, dove si respirano paesaggi e atmosfere che sembrano pura magia.
Giada Curti
Una Collezione, dichiara Giada Curti, dedicate alle donne, un inno alla femminilità, all’eleganza di ognuna di noi, raffinata impalpabile, come la protagonista del film “l’Amante” l’attrice inglese Jane March che a solo diciannove anni, con la sua interpretazione, gli fu conferito nel 1992 il Premio Bambi. Quella sua innocenza, mai volgare, è stata per me fonte di ispirazione per delle creazioni dal “mood” orientale, reinterpretate per la mia donna universale”

In passerella tra i tanti applausi degli ospiti presenti, gli abiti ci portano in estremo Oriente con gli antichi simboli della tradizione asiatica, questa collezione, richiama una femminilità ispirata alla seduzione delle geishe, al loro stile e alle loro atmosfere.

Le infinite sfumature dei sentimenti delle donne vengono lette con legame di continuità tra Cina e Giappone, quindi trasmesse in un equilibrio di forme, tagli e proporzioni. 

Ramage, bouquet floreali e pattern irreali. Nappe, raso e cordini che abbracciano la filosofia orientale. Protagonisti indiscussi: i tessuti impalpabili, come i gazar e le sete, le paillettes, le cinture orientali e i tocchi di nero che sembrano voler trovare un equilibrio tra Ying e Yang.

Torna così l’idea di un’eleganza senza limiti di tempo e spazio, che viene unita alle forme essenziali della nostra contemporaneità.Tutto a un tratto non era più sicura di non averlo amato, solo che quell'amore non l'aveva visto perché si era perso nella storia come acqua nella sabbia e lei lo ritrovava soltanto ora, nell'istante della musica sul mare.”
L’AMANTE - Marguerite Duras

martedì 28 gennaio 2020

TEATRO OLIMPICO Festival Internazionale della Magia



di Rosalba Lupo
Torna l’imperdibile appuntamento con Supermagic, lo spettacolo di varietà magico più grande d’Europa, giunto alla 17ª edizione. Dal 30 gennaio al 9 febbraio al Teatro Olimpico di Roma va in scena la Magia, i migliori illusionisti e prestigiatori provenienti da tutto il mondo si esibiranno in un nuovo imperdibile spettacolo: “Supermagic Illusioni”. Un’esperienza di pura magia dove le illusioni si trasformano in realtà: incredibili apparizioni, trasformazioni ed effetti magici mai visti prima in Italia. Un’occasione unica per sognare e divertirsi con la grande magia dal vivo. I migliori illusionisti, prestigiatori, mentalisti, grandi talenti e campioni internazionali, insieme sullo stesso palco per la prima volta in Italia, incorniciati da una scenografia mozzafiato e da una coinvolgente atmosfera d’incanto e di mistero.
8 stelle internazionali della magia, un nuovissimo cast di oltre 20 artisti, 2 ore di intrattenimento per sorprendere, divertire e far sognare ad occhi aperti gli adulti, ma anche i bambini. Quest’anno per la prima volta con la musica suonata dal vivo.
Ecco gli artisti che saranno sul palco: DEN DEN è un eccellente manipolatore giapponese, maestro di questa difficile arte. MAGUS UTOPIA è un originale illusionista campione del mondo di magia. RUDY COBY è un originale e bizzarro illusionista americano, stella di Las Vegas. TUTTILIFAMILI sono due brillanti artisti e originali prestigiatori spagnoli. RAFFAELE SCIRCOLI è un enigmatico mentalista italiano. MARKO KARVO è uno straordinario prestigiatore finlandese. PAOLO CARTA è un eclettico e brillante artista ed illusionista italiano. REMO PANNAIN E’ un noto avvocato penalista romano e svolge a tempo pieno la professione forense seguendo la tradizione della sua famiglia.
“Ogni anno una nuova sfida: portare a Roma i migliori artisti del mondo del momento, i più grandi nomi della magia internazionale per continuare a veder brillare gli occhi del nostro pubblico”. Parla così Remo Pannain, ideatore di Supermagic.

sabato 25 gennaio 2020

KINKY BOOTS al Teatro Brancaccio


di Rosalba Lupo
Il Teatro Brancaccio di Roma è in scena fino al 26 maggio 2020 uno straordinario Musical “KINKY BOOTS”
Una storia travolgente come è accaduto per Full Monty, dopo anche il film Kinky Boots si è ispirato a una storia vera. Kinky Boots vi trascinerà dagli angusti spazi della fabbrica, alle sfilate glamour di Milano. Charlie Price eredita dal padre la fabbrica di scarpe di famiglia, ormai ridotta al lastrico. È costretto a licenziare alcuni dipendenti e, per risollevare le sorti dell'azienda, capisce che deve assolutamente diversificare la sua produzione.
Serve un’idea straordinaria che arriverà proprio assistendo allo spettacolo di Lola, una favolosa Drag Queen che, per esigenze sceniche, ha bisogno di nuovi stivali, forti e robusti. Travolgenti MARCO STABILE (Charlie Price) e STAN BELIEVE Lola/Simon.
Grande successo di pubblico, tutti in piedi a ballare con Lola e le sue Drag Queen. Kinky Boots, vincitore di tutti i maggiori premi Best Musical, tra gli spettacoli più apprezzati di Broadway e del West End di Londra, è una favolosa celebrazione musicale dell’amicizia e della convinzione che può cambiare il mondo quando si cambia idea, quando si riesce a vedere tutto con altri occhi. Regia di CLAUDIO INSEGNO. Musiche dal vivo.